Autonomia, avanti tutta

L’Europa non ha nulla di cui temere. E, certo, non sarà un paragrafo di un report scritto da chissà chi, a fermare la più grande riforma istituzionale del nostro Paese. La riforma dell’Autonomia, partita dal Veneto e voluta con grande forza da Luca Zaia, non potrà che portare benefici a tutti: alle regioni, soprattutto a quelle meridionali, all’Italia, e pure all’Europa.
È curioso, infatti, che in questo report della Commissione si attacchi la riforma dell’Autonomia mentre ci dimentica, ad esempio, che è proprio a Bruxelles dove sono più forti le critiche verso la incapacità di alcune Regioni del nostro Paese nello spendere efficacemente i fondi comunitari. Un giorno l’Europa ci chiede più responsabilizzazione, e l’altro, invece, la contesta. Senza parlare, peraltro, del caso Germania: perchè sul federalismo dei lander tedeschi Bruxelles non ha nulla da obbiettare?
Il Veneto con Luca Zaia, e il Governo, com il ministro Calderoli in prima fila, andranno avanti senza esitazioni sull’Autonomia: ce la chiede la nostra gente e ce la impongono decenni di cattiva gestione centrale che hanno prodotto miliardi di debito pubblico. Lo stesso, per intenderci, che Bruxelles ci chiede da anni di ridurre. Quale miglior soluzione, quindi, dell’Autonomia?
it_ITItalian