Scelgo Conte!

Agricoltura e pesca: bene aiuti, ora rivedere pac per potenziare sovranità alimentare

Oggi la Commissione europea ha approvato il regime quadro italiano da 1,2 miliardi di euro a sostegno dei settori dell’agricoltura, della silvicoltura, della pesca e dell’acquacoltura colpiti dall’aumento dei costi dei fattori di produzione causato dalla guerra in Ucraina e dalle relative sanzioni. Si tratta di una buona notizia che premia il lavoro fatto dalla Lega a Roma e a Bruxelles, e che servirà a sostenere non solo i lavoratori e le imprese dei settori interessati, ma più in generale la sicurezza dell’approvvigionamento alimentare del nostro Paese. A tal fine, come ho già sostenuto in una interrogazione inviata alla Commissione europea, occorre che l’Ue si impegni da subito per ridurre la dipendenza dall’estero potenziando la sovranità alimentare a livello nazionale, anche diversificando le fonti di approvvigionamento, e togliendo i vincoli alle colture per colmare le insufficienze strutturali. La Pac va rivista perché le condizioni sono cambiate rispetto a quando la riforma è stata varata. Continuerò a fare pressioni sulla Commissione Ue in tal senso.